Senza categoria

LETTERA APERTA ALLA MAGGIORANZA E A TUTTI I CONSIGLIERI – GRUPPI PARTITO DEMOCRATICO E VIVA URBINO.

Signor Sindaco, Assessori, Capigruppo e Consiglieri tutti,

in questo momento così difficile in cui, come più volte ribadito, crediamo sia necessario rafforzare lo spirito collaborativo e lavorare insieme per produrre le soluzioni più efficaci a vantaggio della popolazione, abbiamo più volte sollecitato e suggerito una serie di iniziative che potessero andare in questo senso e risultare utili ai cittadini.

Alcune di queste soluzioni frutto di precedenti condivisioni, sono state già attuate, con soddisfazione da parte della cittadinanza, altre ancora non ci risultano al momento attive.

Intendiamo quindi rimarcare l’urgenza e la necessità di mettere in funzione il Centro Operativo Comunale, (COC) predisponendo quella cabina di regia che permetterebbe di avere una visione complessiva della situazione e mettere in atto le misure e i provvedimenti più adeguati a fronteggiare le diverse problematiche. Al fine di intensificare la rete delle emergenze e rendere veloci le condivisioni delle criticità intercomunali, occorre che il COC abbia riferimenti almeno provinciali.

Una tale struttura, nel fare capo al Sindaco o ad un Assessore delegato in maniera specifica e tenendosi in rapporto con la Prefettura e la Presidenza Regionale, deve comprendere: i Dirigenti dei diversi servizi principali – sanità e assistenza sociale, lavori pubblici, pubblica sicurezza, etc. ; i rappresentanti delle società di servizio per la garanzia del funzionamento dei servizi essenziali; la Protezione Civile; la rappresentanza delle autorità sanitarie; eventuali altre organizzazioni del Volontariato; così da poter monitorare innanzitutto gli ambiti di riferimento di ciascun servizio, condividere le informazioni, e poter predisporre gli interventi in una logica di direzione unitaria coordinata.

Nella sua forma ufficiale è necessario anche che il COC formalizzi con dei verbali i contenuti degli incontri – siano essi virtuali come fisici – al fine di seguire dei percorsi di trasparenza, di possibile scambio di opinioni e confronti con altri soggetti, di ricostruzione delle modalità di gestione, etc.

Nell’ottica di fornire l’andamento della situazione in ambito comunale, è della massima importanza aggiornare i cittadini  sulla situazione locale, in questo caso riportando il numero dei nuovi casi positivi, dei decessi, dei guariti, etc attraverso i canali ufficiali di comunicazione, compreso il sito comunale, nel quale occorrerebbe aprire una sezione dedicata al Covid-19. Tutto ciò non solo per riportare in maniera oggettiva i dati ed evitare che si alimentino false voci e falsi allarmi, ma soprattutto per trasmettere il senso di un intervento strutturato che consenta di avere – in qualunque caso – la situazione monitorata e sotto controllo. Per tale azione, sarebbe sufficiente comunicare attraverso i canali suddetti un report quotidiano.

Riteniamo, come già sta avvenendo i vari luoghi d’Italia, che sia molto importante fornire un supporto psicologico a distanza, attraverso una linea telefonica dedicata, a tutti coloro che in questo tempo così difficile, si sentono assaliti da problematiche lavorative, famigliari e/o personali. Tale servizio potrebbe essere erogato anche in collaborazione con la facoltà di Psicologia dell’Università di Urbino.

Nel corso delle precedenti interlocuzioni, come Consiglieri che si sentono e vogliono rappresentare tutta la cittadinanza, abbiamo avuto rassicurazioni che riteniamo troppo vaghe e insufficienti nel fornire un quadro esaustivo di cosa e del come si stanno facendo le cose. Il nostro intervento intende dunque porsi come ulteriore stimolo a perseguire con forza un metodo di lavoro razionale, trasparente, inclusivo e dinamico, che sappia perciò con la massima efficacia valutare la situazione e predisporre sia interventi di gestione del presente, che preventivi – volti ad assicurare comunque una copertura anche nel caso di un possibile peggioramento e/o già volti ad un prossimo futuro di ripresa della “normalità”.

La nostra disponibilità resta massima nella convinzione che insieme si possa fare meglio e di più.

Leave a Reply